Imagen del editor

Nuovi Studi - Rivista D'arte Antica e Moderna Volume 13

AA.VV:,

ISBN 10: 8889706511 / ISBN 13: 9788889706510
Editorial: Temi Editore, Trento, 2008
Condición: Good Encuadernación de tapa blanda
Librería: Luigi De Bei (PREGANZIOL, T V, Italia)

Librería en AbeBooks desde: 6 de mayo de 2002

Cantidad: 1

Comprar usado
Precio: EUR 60,00 Convertir moneda
Gastos de envío: EUR 25,00 De Italia a Estados Unidos de America Destinos, gastos y plazos de envío
Añadir al carrito

Descripción

Descrizione libro: Tipolitografia Temi, 2008. Condizione libro: new. Trento, 2008; br., pp. 270, 208 ill. b/n, 12 tavv. col., cm 21x26,5. (Nuovi studi. Rivista di arte antica e moderna. Volume 13. 2007. Anno XII). INDICE 5 Linda Pisani Un nuovo polittico di Francesco Traini: provenienza, ricostruzione, cronologia e ricezione 13 Lau ra Amb rogi Un singolare crocevia ai confini del regno: il palazzo della Santissima Annunziata a Sulmona 31 Germano Boffi Sull'arte di Giovanni di Biasuccio da Fontavignone, con qualche aggiunta a Silvestro dell'Aquila e Saturnino Gatti 49 Cristina Quattrini Una deposizione dalla croce di Bernardo Zenale 55 Catia Ceccacci Due nuove statue e altre proposte per l'attività di fra Mattia della Robbia nelle Marche 83 Patrizia Tosini Opere dimenticate di Giovanni de' Vecchi 91 Stefa no Tum idei Federico Zuccari e i gesuiti bolognesi: la pala del 1608 105 Laura Paola Gnaccolini Un dipinto di Luciano Borzone nella bergamasca 115 Federico Cavalieri Il "Rinomato Taurini": un nuovo attore sulla scena della pittura milanese del Seicento 123 Paolo Vanoli Tre quadri di Andrea Lanzani, tra Roma e Vienna 129 Alessandro Morandotti Opere di Gregorio de Ferrari e Francesco Corneliani in giro per l'Europa 137 Marco Riccomini Batoni a Cerreto Guidi Questo numero di 'Nuovi studi' è dedicato alla memoria di Stefano Tumidei (Forlì 1962 - Bologna 2008) Stefano era una figura di studioso atipica. Originario di Forlì, cui si sentiva orgogliosamente legato, aveva studiato all'università di Bologna, dove si era laureato nel 1986 con una tesi su Melozzo da Forlì, affidatagli da Carlo Volpe, seguita da Anna Maria Matteucci. L'immedesimazione col suo primo oggetto di dilezione era tale che gli amici talora lo chiamavano scherzosamente 'Melozzo'. Alla pittura romagnola della fine del Quattrocento dedicò energie straordinarie, da ultimo in occasione della bella mostra che la città di Forlì dedicò a Marco Palmezzano, nel 2006. Non soffriva però di essere ingabbiato in un campo delimitato. Pochi studiosi della sua generazione hanno infatti spaziato in ambiti così lontani tra loro, dimostrando una curiosità insaziabile, dalla scultura romanica alla pittura ferrarese del Cinquecento, dalla scuola avignonese di Simone Martini a Fra Bartolomeo, da Pisanello alla scultura tardobarocca bolognese, da Alessandro Menganti ad Antonio Balestra, da Agostino Marti ai pittori di paesaggio dell'Ottocento tedesco. A muoverlo era un'autentica passione figurativa, per cui non concepiva recinti o preclusioni di sorta. Pari curiosità lo spingeva ad usare metodi diversi, con l'ambizione di affrontare i problemi e le opere che stava studiando in un'ottica globale, a trecentosessanta gradi, senza nulla trascurare, dal cimento attributivo all'indagine d'archivio, dall'inseguimento delle fonti più rare all'esame tecnico dei materiali, dalla decifrazione di iconografie difficili alla storia del collezionismo e del gusto. Nel lavoro, prima ai Musei civici d'arte antica a Bologna (1994-2000), poi all'università di Ravenna (2000- 2008), mise tutto se stesso. Era esigente con sé prima che con gli altri. Per lui non esistevano lavori di routine, prendeva sempre tutto tremendamente sul serio, anche se come persona sapeva poi regalare agli amici ironia e leggerezza. Alcune sue schede, come quella sulla pala di Perugino nel catalogo della Pinacoteca civica di Fano, sono esemplari non solo per la maniacale completezza dei dati, ma anche per la capacità di intravedere ed inquadrare le problematiche più complesse nel limite di un intervento così circoscritto ed in fondo occasionale. Guardava e sapeva guardare le opere, sorprendendo anche gli amici che più lo ammiravano per la vastità insospettata delle sue conoscenze. Proprio su questa rivista ha pubblicato due scoperte che ben dimostrano le sue qualità non comuni. Molti conoscevano la foto di una Madonna col Bambino che era appartenuta alla Galleria Lucas a Vienna, presente in tante fototeche, ma nessuno aveva mai capit. N° de ref. de la librería 006842

Hacer una pregunta a la librería

Detalles bibliográficos

Título: Nuovi Studi - Rivista D'arte Antica e ...

Editorial: Temi Editore, Trento

Año de publicación: 2008

Encuadernación: Brossura

Condición del libro:Good

Condición de la sobrecubierta: Good

Acerca de

Sinopsis:

Trento, 2008; br., pp. 270, 208 ill. b/n, 12 tavv. col., cm 21x26,5.(Nuovi studi. Rivista di arte antica e moderna. Volume 13. 2007. Anno XII). INDICE 5 Linda Pisani Un nuovo polittico di Francesco Traini: provenienza, ricostruzione, cronologia e ricezione 13 Lau ra Amb rogi Un singolare crocevia ai confini del regno: il palazzo della Santissima Annunziata a Sulmona 31 Germa no Boff i Sull'arte di Giovanni di Biasuccio da Fontavignone, con qualche aggiunta a Silvestro dell'Aquila e Saturnino Gatti 49 Cristina Qua ttrini Una deposizione dalla croce di Bernardo Zenale 55 Catia Ceccacci Due nuove statue e altre proposte per l'attività di fra Mattia della Robbia nelle Marche 83 Patrizia Tosini Opere dimenticate di Giovanni de' Vecchi 91 Stefa no Tum idei Federico Zuccari e i gesuiti bolognesi: la pala del 1608 105 Lau ra Paola Gnaccolini Un dipinto di Luciano Borzone nella bergamasca 115 Federico Cavalieri Il "Rinomato Taurini": un nuovo attore sulla scena della pittura milanese del Seicento 123 Paolo Vanoli Tre quadri di Andrea Lanzani, tra Roma e Vienna 129 Alessandro Morandotti Opere di Gregorio de Ferrari e Francesco Corneliani in giro per l'Europa 137 Marco Riccomini Batoni a Cerreto Guidi Questo numero di 'Nuovi studi' è dedicato alla memoria di Stefano Tumidei (Forlì 1962 - Bologna 2008) Stefano era una figura di studioso atipica. Originario di Forlì, cui si sentiva orgogliosamente legato, aveva studiato all'università di Bologna, dove si era laureato nel 1986 con una tesi su Melozzo da Forlì, affidatagli da Carlo Volpe, seguita da Anna Maria Matteucci. L'immedesimazione col suo primo oggetto di dilezione era tale che gli amici talora lo chiamavano scherzosamente 'Melozzo'. Alla pittura romagnola della fine del Quattrocento dedicò energie straordinarie, da ultimo in occasione della bella mostra che la città di Forlì dedicò a Marco Palmezzano, nel 2006. Non soffriva però di essere ingabbiato in un campo delimitato. Pochi studiosi della sua generazione hanno infatt

"Sobre este título" puede pertenecer a otra edición de este libro.

Descripción de la librería

La Libreria ( in realtà si tratta di uno studio bibliografico ) è nata nel 1983 dopo una esperienza per dodici anni in una libreria veneziana.- La libreria tratta opere esaurite e rare,musica,cataloghi ragionati,religione,filosofia,opere enciclopediche,miniatura Medioevo,Studi Bizantini,Archeologia,Periodici etc.

Ver la página web de la librería

Condiciones de venta:

We accept payment by Visa,American Express,Master Card and Diners Club,Paypal and postal accounts.
Insurance or Courier Service Extra.
Postage and Handling at Cost.-

Condiciones de envío:

Orders usually ship within 4 business days. Shipping costs are based on books weighing 2.2 LB, or 1 KG. If your book order is heavy or oversized, we may contact you to let you know extra shipping is required.

Todos los libros de esta librería

Métodos de pago
aceptados por la librería

Visa Mastercard American Express Carte Bleue

Cheque Giro Postal Letra de Cambio Transferencia Bancaria