Vita di San Giacinto dell'ordine de' Predicatori apostolo del settentrione e taumaturgo del secolo decimoterzo descritta dal P. Domenico Bortolotti dello stesso istituto.

Bertolotti Domenico,

Editorial: Pietro Boniotti,, 1857
Usado / Cantidad: 0
Disponible en otras librerías
Ver todos  los ejemplares de este libro

Sobre el libro

Lamentablemente este ejemplar en específico ya no está disponible. A continuación, le mostramos una lista de copias similares de Vita di San Giacinto dell'ordine de' Predicatori apostolo del settentrione e taumaturgo del secolo decimoterzo descritta dal P. Domenico Bortolotti dello stesso istituto. y Bertolotti Domenico,.

Descripción:

In 8° (18,5x11,3cm); (7), 263, pp. Bella legatura in mezza pergamena con titoli in oro e fregi al dorso su tassello rosso. Piatti marmorizzati. Tagli spruzzati in rosso. Esemplare in buone-ottime condizioni di conservazione. San Giacinto Odrovaz, in polacco Jacek (Kamien Slaski, 1185 - Cracovia, 15 agosto 1257), fu un religioso polacco appartenente all'Ordine dei Frati Predicatori; è stato proclamato santo da papa Clemente VIII nel 1594. Le notizie sulle sue origini sono interamente desunte da testi agiografici piuttosto tardi (XVI secolo) e poco attendibili, redatti in occasione della sua canonizzazione (1594): Giacinto sarebbe appartenuto alla nobile famiglia degli Odrow?? e sarebbe nato nel castello di Lanka, a Kamie?, in Slesia; dopo aver studiato diritto canonico e teologia a Cracovia, Praga e Bologna, sarebbe stato ordinato sacerdote e sarebbe divenuto canonico della cattedrale di Cracovia; sarebbe poi giunto in Italia accompagnando il suo vescovo. Sicuramente fu a Bologna nel 1221 ed ebbe modo di incontrare Domenico di Guzmán, che nel maggio di quell'anno celebrò nella città emiliana il secondo capitolo generale del suo Ordine. Decise di diventare domenicano e dopo il noviziato ripartì per l'Europa orientale, dove aveva ricevuto l'incarico di diffondere l'Ordine: fondò i conventi di Friesach, Cracovia, Danzica e Kiev; per conto di papa Gregorio IX, lavorò per l'unione delle Chiese d'oriente e occidente. La devozione popolare per san Giacinto iniziò subito dopo la sua morte: a seguito delle insistenti richieste del re di Polonia, Sigismondo III Vasa, papa Clemente VIII lo canonizzò il 17 aprile 1594. Il culto del nuovo santo, favorito anche dalle monarchie cattoliche, che desideravano mantenere buoni rapporti con la Polonia, ebbe notevole e rapida diffusione tra il XVI ed il XVII secolo; nel 1686 papa Innocenzo XI lo ha dichiarato patrono della Lituania. Memoria liturgica il 15 agosto (L'Ordine domenicano lo celebra il 17 agosto). Raro, probabile prima edizione anche se nello stesso anno esistono un'edizione stampata a Reggio-Emilia e una a Monza. Nessun esemplare censito in ICCU. Esemplare in buone - ottime condizioni di conservazione. N° de ref. de la librería

Detalles bibliográficos

Título: Vita di San Giacinto dell'ordine de' ...
Editorial: Pietro Boniotti,
Año de publicación: 1857

Los mejores resultados en AbeBooks

1.

Bertolotti Domenico,
Editorial: Pietro Boniotti,, Milano, (1857)
Usado Cantidad: 1
Valoración
[?]

Descripción Pietro Boniotti,, Milano, 1857. In 8° (18,5x11,3cm); (7), 263, pp. Bella legatura in mezza pergamena con titoli in oro e fregi al dorso su tassello rosso. Piatti marmorizzati. Tagli spruzzati in rosso. Esemplare in buone-ottime condizioni di conservazione. San Giacinto Odrovaz, in polacco Jacek (Kamien Slaski, 1185 - Cracovia, 15 agosto 1257), fu un religioso polacco appartenente all'Ordine dei Frati Predicatori; è stato proclamato santo da papa Clemente VIII nel 1594. Le notizie sulle sue origini sono interamente desunte da testi agiografici piuttosto tardi (XVI secolo) e poco attendibili, redatti in occasione della sua canonizzazione (1594): Giacinto sarebbe appartenuto alla nobile famiglia degli Odrow?? e sarebbe nato nel castello di Lanka, a Kamie?, in Slesia; dopo aver studiato diritto canonico e teologia a Cracovia, Praga e Bologna, sarebbe stato ordinato sacerdote e sarebbe divenuto canonico della cattedrale di Cracovia; sarebbe poi giunto in Italia accompagnando il suo vescovo. Sicuramente fu a Bologna nel 1221 ed ebbe modo di incontrare Domenico di Guzmán, che nel maggio di quell'anno celebrò nella città emiliana il secondo capitolo generale del suo Ordine. Decise di diventare domenicano e dopo il noviziato ripartì per l'Europa orientale, dove aveva ricevuto l'incarico di diffondere l'Ordine: fondò i conventi di Friesach, Cracovia, Danzica e Kiev; per conto di papa Gregorio IX, lavorò per l'unione delle Chiese d'oriente e occidente. La devozione popolare per san Giacinto iniziò subito dopo la sua morte: a seguito delle insistenti richieste del re di Polonia, Sigismondo III Vasa, papa Clemente VIII lo canonizzò il 17 aprile 1594. Il culto del nuovo santo, favorito anche dalle monarchie cattoliche, che desideravano mantenere buoni rapporti con la Polonia, ebbe notevole e rapida diffusione tra il XVI ed il XVII secolo; nel 1686 papa Innocenzo XI lo ha dichiarato patrono della Lituania. Memoria liturgica il 15 agosto (L'Ordine domenicano lo celebra il 17 agosto). Raro, probabile prima edizione anche se nello stesso anno esistono un'edizione stampata a Reggio-Emilia e una a Monza. Nessun esemplare censito in ICCU. Esemplare in buone - ottime condizioni di conservazione. Nº de ref. de la librería 5114

Más información sobre esta librería | Hacer una pregunta a la librería

Comprar usado
EUR 60,00
Convertir moneda

Añadir al carrito

Gastos de envío: EUR 18,00
De Italia a Estados Unidos de America
Destinos, gastos y plazos de envío