Imagen del editor
Imagen no disponible

LA PITTURA MEDIEVALE A ROMA - Corpus volume V: Il Duecento e la cultura gotica, 1198-1287 ca.

ROMANO ( S. ) [ ed ]

ISBN 10: 2503526772 / ISBN 13: 9782503526775
Editorial: Brepols
Nuevos Condición: Neuf Encuadernación de tapa dura
Librería: Okmhistoire (montrouge, Francia)

Librería en AbeBooks desde: 10 de febrero de 2003

Cantidad: 2
Comprar nuevo
Precio recomendado: 321.25
Precio: EUR 280,00 Convertir moneda
Gastos de envío: EUR 26,02 De Francia a Estados Unidos de America Destinos, gastos y plazos de envío
Añadir al carrito

Descripción

Brussel 2012. 1 Volume/1. Rilegato ( 31 x 24 cm ). ------ Pagine 419, 350 tavole. *************** "" Questo volume del Corpus della pittura medievale a Roma studia un periodo storico a forti contrasti. La storia inizia infatti dagli anni del pontificato di Innocenzo III: papa autoritario, di lucida visione teocratica e di vasti disegni politici, che proclama l’universalità della Chiesa e al tempo stesso bada a consolidare il suo potere temporale, fortificando i territori circostanti a Roma, estendendo l’autorità pontificia sulle regioni limitrofe, facendo insomma dello Stato della Chiesa uno stato agguerrito e capace di fronteggiare i pericoli e gli attacchi anche militari. Non meraviglia, in questo quadro ideologico e politico, che Innocenzo III sia anche il papa che mette mano ai più grandi edifici della città sacra, Roma, per rifarli e rammodernarli e in questo modo presentare l’immagine di una chiesa tradizionale, ma attuale e rinnovata. Tramite i cantieri innocenziani, Roma viene toccata da una potente ondata bizantineggiante, originata dal risalire degli artisti che erano stati attivi nei cantieri normanni di Palermo e Monreale, e che – rimasti senza lavoro per la fine della potenza normanna in Sicilia e Italia meridionale – vanno a cercarne là dove l’attività è più intensa, e quindi specialmente a Roma. Subito dopo però le cose cambiano, e la cultura dell’Europa gotica comincia a premere anche alle porte della Città per definizione più tradizionalista di tutte. Nei decenni centrali del Duecento una vera e propria invasione di temi e iconografie rinnovate si verifica, negli edifici della città che li hanno conservati e che sono stati riscoperti anche molto recentemente: il caso del grande ciclo ad affresco nel salone gotico dei Santi Quattro Coronati è emblematico, centinaia di metri quadri di splendida pittura meravigliosamente conservata, ritrovati e rimessi in luce da pochi anni, testimonianza di una cultura pittorica modernissima e raffinata. Il ciclo dei Santi Quattro, insieme ad altri ritrovamenti ugualmente recenti ma di minore entità – come ad esempio quello nel convento di San Clemente – mette in luce un momento della vita della Roma medievale, fino ad ora considerato ‘vuoto’ e privo di testimonianze artistiche; e segnala con grande evidenza la ricchezza e la modernità della pittura che si faceva a Roma, nelle cerchie dei papi, dei cardinali, nei loro palazzi fortificati e nelle loro chiese, anche quando il papa, con la curia, era esule e rifugiato altrove, anche quando la città di Roma viene a lungo abbandonata dalla corte pontificia che preferisce sedi e palazzi come quelli di Viterbo o di Orvieto, più lontani dalla minaccia federiciana. Mette in luce, anche, quanto ‘gotica’ sia stata la tradizionalissima cerchia dei papi: proprio perché la corte pontificia era, appunto, una corte, attorno a papi che nei decenni centrali del Duecento sono spesso francesi, in contatto con la cultura d’oltralpe, e si fanno tramite dell’arrivo di oggetti e di testimonianze del gusto nordico. Il volume si chiude con gli avvenimenti di un pontificato – quello di Nicolò III Orsini – che dura pochi anni, dal 1277 al 1280, ma che rappresenta un nuovo momento di importanza fondamentale per la storia della cultura e dell’arte a Roma. A differenza di molti suoi immediati predecessori, Nicolò Orsini non è francese, non è forestiero: è romano, di nobile famiglia, e il programma del suo regno è tutto volto a riprendere in mano la Città, a riconsiderarne le tradizioni, a riproporre con forza l’immagine di un’autorità pontificia che è indissociabile dall’idea di Roma. Non molti anni fa, la riscoperta e il restauro degli affreschi del Sancta Sanctorum al Laterano – che sono naturalmente compresi in questo volume - mostrarono con chiarezza a quale livello di qualità e di densità simbolica fosse arrivato questo papa, committente della cappella e della sua decorazione a mosaico e ad affresco, pur in un tempo così breve di regno. "" *************. N° de ref. de la librería od-1600w

Hacer una pregunta a la librería

Detalles bibliográficos

Título: LA PITTURA MEDIEVALE A ROMA - Corpus volume ...

Editorial: Brepols

Encuadernación: Couverture rigide

Condición del libro:Neuf

Edición: Edition originale

Acerca de

Sinopsis:

Questo volume del Corpus della pittura medievale a Roma studia un periodo storico a forti contrasti. La storia inizia infatti dagli anni del pontificato di Innocenzo III: papa autoritario, di lucida visione teocratica e di vasti disegni politici, che proclama l'universalita della Chiesa e al tempo stesso bada a consolidare il suo potere temporale, fortificando i territori circostanti a Roma, estendendo l'autorita pontificia sulle regioni limitrofe, facendo insomma dello Stato della Chiesa uno stato agguerrito e capace di fronteggiare i pericoli e gli attacchi anche militari. Non meraviglia, in questo quadro ideologico e politico, che Innocenzo III sia anche il papa che mette mano ai piu grandi edifici della citta sacra, Roma, per rifarli e rammodernarli e in questo modo presentare l'immagine di una chiesa tradizionale, ma attuale e rinnovata. Tramite i cantieri innocenziani, Roma viene toccata da una potente ondata bizantineggiante, originata dal risalire degli artisti che erano stati attivi nei cantieri normanni di Palermo e Monreale, e che - rimasti senza lavoro per la fine della potenza normanna in Sicilia e Italia meridionale - vanno a cercarne la dove l'attivita e piu intensa, e quindi specialmente a Roma. Subito dopo pero le cose cambiano, e la cultura dell'Europa gotica comincia a premere anche alle porte della Citta per definizione piu tradizionalista di tutte. Nei decenni centrali del Duecento una vera e propria invasione di temi e iconografie rinnovate si verifica, negli edifici della citta che li hanno conservati e che sono stati riscoperti anche molto recentemente: il caso del grande ciclo ad affresco nel salone gotico dei Santi Quattro Coronati e emblematico, centinaia di metri quadri di splendida pittura meravigliosamente conservata, ritrovati e rimessi in luce da pochi anni, testimonianza di una cultura pittorica modernissima e raffinata. Il ciclo dei Santi Quattro, insieme ad altri ritrovamenti ugualmente recenti ma di minore entita - come ad esempio quello nel convento di San Clemente - mette in luce un momento della vita della Roma medievale, fino ad ora considerato 'vuoto' e privo di testimonianze artistiche; e segnala con grande evidenza la ricchezza e la modernita della pittura che si faceva a Roma, nelle cerchie dei papi, dei cardinali, nei loro palazzi fortificati e nelle loro chiese, anche quando il papa, con la curia, era esule e rifugiato altrove, anche quando la citta di Roma viene a lungo abbandonata dalla corte pontificia che preferisce sedi e palazzi come quelli di Viterbo o di Orvieto, piu lontani dalla minaccia federiciana. Mette in luce, anche, quanto 'gotica' sia stata la tradizionalissima cerchia dei papi: proprio perche la corte pontificia era, appunto, una corte, attorno a papi che nei decenni centrali del Duecento sono spesso francesi, in contatto con la cultura d'oltralpe, e si fanno tramite dell'arrivo di oggetti e di testimonianze del gusto nordico. Il volume si chiude con gli avvenimenti di un pontificato - quello di Nicolo III Orsini - che dura pochi anni, dal 1277 al 1280, ma che rappresenta un nuovo momento di importanza fondamentale per la storia della cultura e dell'arte a Roma. A differenza di molti suoi immediati predecessori, Nicolo Orsini non e francese, non e forestiero: e romano, di nobile famiglia, e il programma del suo regno e tutto volto a riprendere in mano la Citta, a riconsiderarne le tradizioni, a riproporre con forza l'immagine di un'autorita pontificia che e indissociabile dall'idea di Roma. Non molti anni fa, la riscoperta e il restauro degli affreschi del Sancta Sanctorum al Laterano - che sono naturalmente compresi in questo volume - mostrarono con chiarezza a quale livello di qualita e di densita simbolica fosse arrivato questo papa, committente della cappella e della sua decorazione a mosaico e ad affresco, pur in un tempo cosi breve di regno.

"Sobre este título" puede pertenecer a otra edición de este libro.

Descripción de la librería

LIBRAIRIE PARTICULIER EN LIGNE 75006 . ENTREPÔT , STOCK ET RETRAIT DE COMMANDES : MONTROUGE 92120

Ver la página web de la librería

Condiciones de venta:

Certains livres stockés en Province peuvent faire l'objet d'un délai d'attente de
15 à 25 jours avant expédition . En cas d'urgence merci de se renseigner avant de
passer l'ordre d'achat .

Condiciones de envío:

Les commandes sont généralement expédiées entre 1 et 5 jours.

Certains livres stockés en Province peuvent faire l'objet d'un délai d'attente de 15 à 25 jours avant expédition .

Nous aimons également les livres et en achetons sur Internet , aussi dans tous les cas et pour tous les prix , les commandes sont envoyées dans des emballages extrêmement ROBUSTES !!! En prévision du pire ... **********************************************
Toute commande est expédiée après paiement dans un colis très protecteur . Les frais de port affichés au moment de la commande sont indicatifs. Au cas où les livres commandés seraient particulièrement lourds ou de grande valeur, le client sera informé de frais de port supplémentaires .
Selon l'affluence des commandes les colis sont postés entre 2 à 5 jours après validation de l'achat.

Todos los libros de esta librería

Métodos de pago
aceptados por la librería

Visa Mastercard American Express Carte Bleue

Cheque Giro Postal Dinero en Efectivo Transferencia Bancaria