PERIPLO DELL'AFRICA (rara prima edizione) con 540 incisioni da fotografie dello stesso autore ... PERIPLO DELL'AFRICA (rara prima edizione) con 540 incisioni da fotografie dello stesso autore ... PERIPLO DELL'AFRICA (rara prima edizione) con 540 incisioni da fotografie dello stesso autore ... PERIPLO DELL'AFRICA (rara prima edizione) con 540 incisioni da fotografie dello stesso autore ...

PERIPLO DELL'AFRICA (rara prima edizione) con 540 incisioni da fotografie dello stesso autore e 3 carte a colori

D'Albertis Enrico Alberto, capitano genovese

Editorial: Treves Fratelli,, 1910
Usado / Cantidad: 0
Disponible en otras librerías
Ver todos  los ejemplares de este libro

Sobre el libro

Lamentablemente este ejemplar en específico ya no está disponible. A continuación, le mostramos una lista de copias similares de PERIPLO DELL'AFRICA (rara prima edizione) con 540 incisioni da fotografie dello stesso autore e 3 carte a colori y D'Albertis Enrico Alberto, capitano genovese.

Descripción:

24x15 cm; VIII, 572 pp. e tre belle tavole fuori testo più volte ripiegate. Legatura anni 20 del XX° secolo in mezza pergamena con titolo scritto al dorso in bello stile liberty. Allo stesso nome dell'antico proprietario appartenente a nobile famiglia bolognese. Esemplare in buone-ottime condizioni di conservazione. Rara prima edizione di questa importante racconto di viaggio africano. Una parte dell'opera è dedicata alle Canarie e un'ampia sezione ad Atlantide che l'autore cercò di individuare durante i suoi viaggi. Opera riccamente illustrata. Enrico Alberto d'Albertis (Voltri, 23 marzo 1846 - Genova, 3 marzo 1932) fu un celebre navigatore, scrittore, etnologo e filantropo italiano. Il suo spirito avventuroso e curioso lo portò a legare la sua vita al mare e ai viaggi e a farne un modello della cultura scientifica sviluppata specialmente sulla base dei suoi viaggi transoceanici verso rotte esotiche e, al tempo in cui visse, assai spesso poco conosciute. Fu tra i fondatori del primo Yacht Club d'Italia (nel 1879) e, a bordo del Violante e del Corsaro, i suoi due cutter, viaggiò nel Mediterraneo e nell'Oceano Atlantico, seguendo la rotta intrapresa quattrocento anni prima da Colombo. Raggiunse San Salvador nel 1893, utilizzando gli strumenti nautici da lui stesso ricostruiti su modello di quelli in uso ai tempi del grande navigatore genovese. Il suo nome è legato ad un castello che porta il suo nome - il Castello d'Albertis - oggi sede del Museo delle Culture del Mondo. Anche suo cugino Luigi Maria d'Albertis, membro della spedizione garibaldina dei Mille, fu un esploratore, botanico e naturalista. Nell'anno 1900 iniziò il periodo Africano. Viaggiò in Tripolitania, Algeria e Tunisia, e poi in Eritrea (1902), in Somalia (Benadir) (1905) e svariate volte anche in Egitto e Sudan. Conobbe l'egittologo Schiapparelli e partecipò a scavi a Luxor, nella Valle delle Regine. Nel 1906 visitò l'Africa orientale, Harrar, Uganda e Victoria Nyanza e nel 1908 effettuò il periplo dell'Africa, arrivando fino a Johannesburg. Due anni dopo, nel 1910, compì il suo terzo ed ultimo viaggio attorno al mondo. Esemplare in buone-ottime condizioni di conservazione. N° de ref. de la librería

Detalles bibliográficos

Título: PERIPLO DELL'AFRICA (rara prima edizione) ...
Editorial: Treves Fratelli,
Año de publicación: 1910

Los mejores resultados en AbeBooks

1.

D'Albertis Enrico Alberto, capitano genovese
Editorial: Treves Fratelli,, Milano, (1910)
Usado Cantidad: 1
Valoración
[?]

Descripción Treves Fratelli,, Milano, 1910. 24x15 cm; VIII, 572 pp. e tre belle tavole fuori testo più volte ripiegate. Legatura anni 20 del XX° secolo in mezza pergamena con titolo scritto al dorso in bello stile liberty. Allo stesso nome dell'antico proprietario appartenente a nobile famiglia bolognese. Esemplare in buone-ottime condizioni di conservazione. Rara prima edizione di questa importante racconto di viaggio africano. Una parte dell'opera è dedicata alle Canarie e un'ampia sezione ad Atlantide che l'autore cercò di individuare durante i suoi viaggi. Opera riccamente illustrata. Enrico Alberto d'Albertis (Voltri, 23 marzo 1846 - Genova, 3 marzo 1932) fu un celebre navigatore, scrittore, etnologo e filantropo italiano. Il suo spirito avventuroso e curioso lo portò a legare la sua vita al mare e ai viaggi e a farne un modello della cultura scientifica sviluppata specialmente sulla base dei suoi viaggi transoceanici verso rotte esotiche e, al tempo in cui visse, assai spesso poco conosciute. Fu tra i fondatori del primo Yacht Club d'Italia (nel 1879) e, a bordo del Violante e del Corsaro, i suoi due cutter, viaggiò nel Mediterraneo e nell'Oceano Atlantico, seguendo la rotta intrapresa quattrocento anni prima da Colombo. Raggiunse San Salvador nel 1893, utilizzando gli strumenti nautici da lui stesso ricostruiti su modello di quelli in uso ai tempi del grande navigatore genovese. Il suo nome è legato ad un castello che porta il suo nome - il Castello d'Albertis - oggi sede del Museo delle Culture del Mondo. Anche suo cugino Luigi Maria d'Albertis, membro della spedizione garibaldina dei Mille, fu un esploratore, botanico e naturalista. Nell'anno 1900 iniziò il periodo Africano. Viaggiò in Tripolitania, Algeria e Tunisia, e poi in Eritrea (1902), in Somalia (Benadir) (1905) e svariate volte anche in Egitto e Sudan. Conobbe l'egittologo Schiapparelli e partecipò a scavi a Luxor, nella Valle delle Regine. Nel 1906 visitò l'Africa orientale, Harrar, Uganda e Victoria Nyanza e nel 1908 effettuò il periplo dell'Africa, arrivando fino a Johannesburg. Due anni dopo, nel 1910, compì il suo terzo ed ultimo viaggio attorno al mondo. Esemplare in buone-ottime condizioni di conservazione. Nº de ref. de la librería 4637

Más información sobre esta librería | Hacer una pregunta a la librería

Comprar usado
EUR 140,00
Convertir moneda

Añadir al carrito

Gastos de envío: EUR 18,04
De Italia a Estados Unidos de America
Destinos, gastos y plazos de envío