Imagen del editor

L'Uomo della croce.L'immagine scolpita prima e dopo Donatello

Cavalli Carlo e Nante Andrea a cura di

ISBN 10: 8896162866 / ISBN 13: 9788896162866
Editorial: Scripta Comunicazione Editoria, Verona, 2013
Nuevos Condición: Neuf Encuadernación de tapa blanda
Comprar nuevo
Precio: EUR 25,00 Convertir moneda
Gastos de envío: EUR 25,00 De Italia a Estados Unidos de America Destinos, gastos y plazos de envío
Añadir al carrito

Ofrecido por

Luigi De Bei
PREGANZIOL, T V, Italia

Valoración 4 estrellas

Librería en AbeBooks desde: 6 de mayo de 2002

Descripción

Descrizione libro: Scripta - Comunicazione Editoria, 2013. Condizione libro: new. Padova, Museo diocesano, 14 settembre - 24 novembre 2013. A cura di Carlo Cavalli e Andrea Nante. Padova, 2013; br., pp. 248, ill. e tavv. b/n col., cm 17x23,5. Attorno alla croce, emblema di sofferenza e di passione ma porta della Risurrezione, si concentra la fede cristiana. Sulla via della croce si celebrano i momenti forti dell'anno liturgico verso la Pasqua che ogni anno fa rivivere la speranza cristiana. E su questo "segno" così denso di significato e apparentemente contraddittorio per questo incrocio di morte e di vita, si concentra il progetto L'uomo della croce. L'immagine scolpita prima e dopo Donatello, che il Museo Diocesano e l'Ufficio Beni culturali della Diocesi di Padova propongono con la mostra in programma dal 14 settembre (festa dell'Esaltazione della croce) al 24 novembre 2013 (data in cui si conclude l'Anno della fede indetto da Benedetto XVI). L'inaugurazione alla presenza del vescovo di Padova mons. Antonio Mattiazzo è in programma venerdì 13 settembre alle ore 18. Lo stesso vescovo Mattiazzo, nel catalogo in fase di pubblicazione scrive che la mostra: "Si propone come intensissima esperienza di bellezza dove il dramma dell'umanità trafitta anela a ricomporsi e "rinascere dall'alto" (cfr. Gv 3,3)", ricordando come la ricorrenza dell'anniversario dell'Editto di Milano provoca "un'ulteriore riflessione antropologica e teologica" e "induce a cogliere i risvolti esistenziali e le ricadute storico-culturali dell'Uomo della croce". Punto di partenza dell'intero progetto è la consapevolezza che il dramma di Gesù crocifisso ha interrogato l'uomo di ogni tempo, toccandone profondamente il vissuto: il mistero di un Dio che si incarna e che assume il limite, la sofferenza e la morte senza negarli, nella sua contraddittorietà e continua tensione tra esperienza di finitezza e promessa di eternità, per secoli ha stimolato il pensiero teologico e filosofico, l'immaginazione e la fede dell'uomo. "La croce - commenta il direttore del Museo diocesano di Padova, Andrea Nante - da duemila anni è uno "scandalo" sia per chi crede, sia per chi si ferma al dato storico della crocifissione. L'arte ne interpreta il significato, e si fa narrazione e storia. Per questo, nell'Anno della fede e nell'anniversario dell'Editto di Costantino, attraverso l'arte e la sensibilità degli scultori che si sono avvicendati nei secoli, vogliamo suscitare una riflessione sul tema della croce e del crocifisso e sul significato che ha per l'uomo. Per questo abbiamo individuato sette antichi crocifissi lignei che saranno esposti nelle gallerie del Palazzo Vescovile, in un percorso che esalterà il potere evocativo di ciascuna opera, espressione della sensibilità, della fede e della cultura del proprio tempo. In questo modo intendiamo valorizzare il patrimonio storico-artistico diocesano, educando le comunità all'importanza della conservazione e della conoscenza delle opere del passato, espressione delle nostre radici culturali e della nostra identità". La mostra non si propone come una celebrazione della croce, bensì come un percorso culturale e spirituale che permette di rileggere il significato di questo "segno" così incisivo, discusso, contraddittorio, attraverso l'arte. È un viaggio alla scoperta delle motivazioni che guidano le raffigurazioni del Cristo morto in croce, con gli occhi chiusi e la testa reclinata, dove il dolore prende il sopravvento ponendo l'accento sulla passione e le sofferenze di Cristo per la salvezza dell'umanità (primi secoli dopo il Mille); per cogliere poi il passaggio dell'umanesimo cristiano (Quattro-Cinquecento) che riscopre l'umanità di Cristo nobilitandola attraverso il linguaggio sereno e composto della classicità; e arrivare al "superamento" del concetto della morte per dare enfasi alla risurrezione, con i Cristi "vivi" dell'età della Controriforma e Barocca. A raccontare tutto questo sono sette crocifissi lignei policromi intagliata. N° de ref. de la librería 007727

Cantidad: 1

Hacer una pregunta a la librería

Detalles bibliográficos

Título: L'Uomo della croce.L'immagine scolpita prima...

Editorial: Scripta Comunicazione Editoria, Verona

Año de publicación: 2013

Encuadernación: Couverture souple

Condición del libro: Neuf

Condición de la sobrecubierta: Neuf

Edición: Edition originale

Descripción de la librería

La Libreria ( in realtà si tratta di uno studio bibliografico ) è nata nel 1983 dopo una esperienza per dodici anni in una libreria veneziana.- La libreria tratta opere esaurite e rare,musica,cataloghi ragionati,religione,filosofia,opere enciclopediche,miniatura Medioevo,Studi Bizantini,Archeologia,Periodici etc.

Ver la página web de la librería

Condiciones de venta:

We accept payment by Visa,American Express,Master Card and Diners Club,Paypal and postal accounts.
Insurance or Courier Service Extra.
Postage and Handling at Cost.-

Condiciones de envío:

Orders usually ship within 4 business days. Shipping costs are based on books weighing 2.2 LB, or 1 KG. If your book order is heavy or oversized, we may contact you to let you know extra shipping is required.

Todos los libros de esta librería

Métodos de pago
aceptados por la librería

Visa Mastercard American Express Carte Bleue

Cheque Giro Postal Letra de Cambio Transferencia Bancaria