Aviatori italiani della prima guerra mondiale: Gabriele D'Annunzio, Amedeo Mecozzi, Leonida Schiona, Umberto Maddalena, Elia Antonio Liut

0 valoración promedio
( 0 valoraciones por Goodreads )
 
9781231832882: Aviatori italiani della prima guerra mondiale: Gabriele D'Annunzio, Amedeo Mecozzi, Leonida Schiona, Umberto Maddalena, Elia Antonio Liut
From the Publisher:

Fonte: Wikipedia. Pagine: 31. Capitoli: Gabriele D'Annunzio, Amedeo Mecozzi, Leonida Schiona, Umberto Maddalena, Elia Antonio Liut, Carlo Maria Piazza, Antonio Locatelli, Natale Palli, Guido Keller, Gastone Novelli, Giulio Laureati, Pietro Sordi, Mario Calderara, Vincenzo Magliocco, Silvio Palli, Arturo Ferrarin, Mario Ajmone Cat, Carlo Tosi, Giovanni Ravelli, Giannino Ancillotto, Enrico Cottino, Gian Felice Gino, Carlo Del Prete, Ernesto Fogola, Lorenzo Gaslini, Giorgio Parodi, Ugo Niutta, Orazio Pierozzi, Alvaro Leonardi, Arturo Dell'Oro, Luigi Ridolfi, Alfredo Barbieri, Lelio Gaviglio. Estratto: Gabriele D'Annunzio, Principe di Montenevoso, a volte scritto d'Annunzio, come usava firmarsi (Pescara, 12 marzo 1863 - Gardone Riviera, 1º marzo 1938), è stato uno scrittore, poeta, drammaturgo, militare e politico italiano, simbolo del Decadentismo ed eroe di guerra. Soprannominato il Vate cioè "il profeta", occupò una posizione preminente nella letteratura italiana dal 1889 al 1910 circa e nella vita politica dal 1914 al 1924. Sia in letteratura sia in politica lasciò il segno ed ebbe un influsso sugli eventi che gli sarebbero succeduti. La casa natale di D'Annunzio a PescaraGabriele d'Annunzio nacque a Pescara il 12 marzo 1863. Terzo di cinque fratelli, visse un'infanzia felice, distinguendosi per intelligenza e vivacità. Della madre, Luisa de Benedictis, erediterà la fine sensibilità, del padre, Francesco Paolo (nato Rapagnetta, acquisì il cognome d'Annunzio da un ricco parente che lo adottò), il temperamento sanguigno, la passione per le donne e la disinvoltura nel contrarre debiti, cosa che portò la famiglia da una condizione agiata ad una difficile situazione economica. Reminiscenze della condotta paterna sono presenti nel romanzo Trionfo della morte. Non tardò a manifestare una personalità ambiziosa, priva di complessi e inibizioni, portata al confronto competitivo con la realtà. Una testimonianza ne è la lettera che, ancora sedicenne nel 1879, scrive a Giosu...

"Sobre este título" puede pertenecer a otra edición de este libro.

(Ningún ejemplar disponible)

Buscar:



Crear una petición

Si conoce el autor y el título del libro pero no lo encuentra en IberLibro, nosotros podemos buscarlo por usted e informarle por e-mail en cuanto el libro esté disponible en nuestras páginas web.

Crear una petición